Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Zombie’

Fonte: Rob Zombie

5) L’Assedio dei Morti Viventi

Bob Clark, regista del classico A Christmas Story, e la star Alan Ormsby hanno dato vita a questo film bizzarro con un cadavere di nome Orville. Un gruppo di hippies si reca su un’isola sperduta chissà dove. Il loro obiettivo è resuscitare i morti, e indovinate un po? la cosa Funziona. Un film veramente strano per il suo genere.

4) Zombi 2

A partire dalla prima scena, ambienta su una barca apparentemente vuota (tranne che per i vermi e le larve) che galleggia al largo di New York City, ecco che nasce un nuovo tipo di zombie movie. E in un istante è subito cult! Per non parlare della scena che mostra il combattimento tra uno zombi e uno squalo. Ancora oggi mi chiedo: “Come cazzo ha fatto a girarla?”. Fulci è un genio.

3) La Notte dei Morti Viventi

Questo film low budget indipendente del 1968 è un terrificante esercizio di orrore. La scelta di una casa sperduta come ambientazione dona il giusto tono a questo incubo claustrofobico. Contiene anche uno dei più copiati finali shock della storia del cinema. (E’ anche uno dei pochissimi film horror in cui il tizio nero non muore per primo, ulteriore nota di merito bel il buon Romero N.d.C.R)

2) L’Isola degli Zombie

L’unico vero film zombie classico del 1930, l’età d’oro del cinema dell’orrore. Dopo il grande successo del Dracula della Universal, Bela Lugosi crea un altro personaggio iconico del cinema horror: Legendre. Sono anche abbastanza sicuro che si tratti della prima volta che la parola “zombie” viene usata ll’interno di un film. Perché questo film non sia amato come Dracula o Frankenstein è un mistero.

1) Zombi

Questo capolavoro di Romero non ha cominciato niente, ma sicuramente ha segnato gli standard degli zombie movie a venire. Il sangue, le budella, gore sono molto presenti, ma al suo centro c’è uno studio sui personaggi molto accattivante, che riguarda un piccolo gruppo di sopravvissuti. Ken Foree spicca su tutti. L’intensità di tutto il film si può individuare nel suo volto immobile verso la fine del film, quando, di fronte alla morte certa, è pronto ad uccidersi.

Annunci

Read Full Post »

64°

A chi non piacciono le Tartarughe? Perfino i Bambini Zombie le adorano!

63°

Come sarà il tempo nei prossimi giorni? “Pretty much everywhere, it’s gonna be hot.” Chi non vorrebbe assistere ad una previsione del tempo di questo genere? Ad Haiti è così che vanno le cose..

62°

Chad Vader è una realtà del mondo dell’Internet, questa è la sua prima apparizione sul piccolissimo schermo di Youtube.

61°

“Little Superstar”, un minuscolo bambinetto indiano che balla e si dimena come un Tony Manero al curry (E vai con le generalizzazioni razziste!)

60°

Ricordate lo show con salto sul divano di Tom Cruise da Oprah? Perfetto. Ora immaginate se invece di saltare sul divano l’avesse uccisa con una scarica elettrica: molto, molto meglio giusto?

Read Full Post »

https://i1.wp.com/farm1.static.flickr.com/85/265742466_99356364e9.jpg

Una nuova rubrica del blog più amato dagli ossessivi-compulsivi: una playlist competa di 5 canzoni tematiche da offrire senza paura in pasto al vostro Ipod, garantite e classificate in rigoroso ordine crescente da Alt(R)a Fedeltà, il programma paladino dell’autoreferenzialità.

Quali sono le canzoni ideali da inserire nel proprio Ipod durante un’apocalisse Zombie? Alt(R)a Fedeltà vi viene in aiuto, plasmando una Playlist ideale per destreggiarsi, mazza da baseball o motosega in mano, fra i non morti che vi affolleranno il giardino.

5) Misfits – “Astro Zombies” da “Walk among us” (1982)


Ispirata all’omonimo film del 1969 (Da vedere, assolutamente!), il pezzo, scritto da Glenn Danzig è carico e potente al punto giusto per ispirare un po’ di sana violenza sui non-morti.

4) RATM – “Killing in the name of” da “RATM”(1993)


Primo singolo della carriera dei Rage Against the Machine, antimilitarista, polemico, pungente, perfetto per la nostra playlist, chi non vorrebbe sentire Zack de la Rocha urlargli nelle orecchie mentre ri-manda al creatore qualche Zombie famelico?

3) Michael Jackson – “Thriller” da “Thriller” (1982)


“Thriller” è un pegno da pagare, non si può parlare di Zombie e di musica senza citare il video e la canzone che hanno per sempre cambiato il mondo del pop, oltre che  il picco di popolarità dei non-morti nella storia (Sia chiaro però, i non-morti NON BALLANO!).

2) Rob Zombie – “Living Dead Girl” da “Hellbilly” (1998)


Il nuovo guru del cinema terrorifico del XXI secolo, un gran pezzo e un video geniale che ammicca ai classici horror degli anni ’20, perfetto per fracassare crani zombi.

1) The Queen – “Don’t Stop me now” da “Jazz” (1978)


Chiunque abbia visto “Shaun of the Dead” (L’alba dei morti dementi) sarà d’accordo con noi, chiunque non l’abbia visto corra a procurarselo, non ha scusanti.

Read Full Post »

https://i1.wp.com/www.papajonszombies.com/zombies/index.29.jpg

5) Ed Non-Morto

https://i2.wp.com/gamesnet.vo.llnwd.net/o1/faction/inline/66153-2.jpgDirettamente da: Shaun of the Dead (Film)

Perché ha un posto fra i migliori: Immaginiamo che nessuno possa mettersi a polemizzare sulla presenza in classifica di Ed, ovviamente dopo il processo di zombizzazione, probabilmente il personaggio più divertente del film più divertente del mondo Zombie. Chi non vorrebbe avere un amico zombie a casa, con cui giocare alla playstation o da coccolare come un cucciolo? L’importanza di Ed è proprio questa: uno Zombie può esserci amico, l’importante è tenerlo in catene.

4) Lo Zombie Conquistador

https://i0.wp.com/gamesnet.vo.llnwd.net/o1/faction/inline/66153-7.jpgDirettamente da: Zombie/Zombi 2 (Film)

Perché ha un posto fra i migliori: Non avrà avuto troppo spazio nel capolavoro di Lucio Fulci “Zombie” (Conosciuto anche come “Zombi 2”), anzi, lo zombie Conquistador appare solo in una scena, per pochi minuti, mentre addenta il collo di una donna destinata senz’altro a morte certa, ma il suo impatto è stato talmente forte da convincere Fulci ad usare il suo faccione in un’infinità di immagini promozionali, oltre che nel trailer del film. Ok, non sarà stato importante per la storia degli Zombie, ma è veramente il più figo di tutti.

3) Clairvius Narcisse

https://i2.wp.com/www.goozlepipe.com/images/zombies/zombie_clairviusnarcisse.pngDirettamente da: La vita vera

Perché ha un posto fra i migliori: Nel 1962, quando fu sepolto, Clairvius Narcisse sembrava a tutti gli effetti un uomo morto. Quello che gli Haitiani non sapevano era che l’uomo era stato avvelenato da uno stregone locale con un cocktail che prevedeva la presenza di una mezza dozzina di sostanza tossiche diverse, per farlo apparire morto anche dopo un esame più attento. Clairvius fu riesumato su indicazione dello stregone (Burlone il ragazzo!) e nei due anni successivi lavorò come schiavo in una piantagione di canna da zucchero in uno stato zombesco, con grande soddisfazione del datore di schiavitù (Iperproduttivi gli zombie..), ad ogni modo questo è il primo caso di Zombizzazione scientificamente provata della storia.

2) Lo Zombie del Cimitero

https://i2.wp.com/starsmedia.ign.com/stars/image/article/925/925756/the-many-looks-of-the-zombie-20081031080626804-000.jpgDirettamente da: La notte dei morti viventi (Film)

Perché ha un posto fra i migliori: Per tutti coloro che non hanno avuto il privilegio di  vedere I primissimi Zombie movie mai prodotti, come White Zombie (1932), il primo zombie ad apparire nel capolavoro di George A. Romero è al contempo il primo zombie della storia del cinema. Nella scena d’apertura al cimitero lo zombie combatte con Johnny e gli fracassa la testa su una lapide, dando inizio alla leggenda.

1) Bub

https://i2.wp.com/www.best-horror-movies.com/images/Day-of-the-dead-Bub-small.jpgDirettamente da: Day of the Dead (Film)

Perché ha un posto fra i migliori: Se avete visto Day of the Dead, il seguito, targato ovviamente George A. Romero di quel capolavoro indiscusso che è Zombi, sarete senz’altro d’accordo sull’assegnazione di questo primo posto a Bub, il più importante Zombie vissuto, o non-vissuto sulla terra. Nel film, dopo esser stato catturato e aver subito ogni sorta di esperimenti e umiliazioni, rivela al pubblico che un Non-morto non è poi così differente da un essere umano, anzi. Bub è lo Zombie più intelligente della storia e la sua figura sarà di ispirazione per la crescita del movimento zombi, oltre che per la nascita di una nuova consapevolezza dell’intelligenza Zombie.

Read Full Post »

https://i0.wp.com/la.metblogs.com/files/2009/04/219581402_4cd89ec4cc.jpg

03-11-2009 – Live from Fandango Palace

ore 20:28

http://www.fandangowebradio.it

A voi che, goffi e spassosi, camminate ciondolando con brandelli di pelle che pendono dal corpo, a voi che vi ammassate golosi davanti alle vetrine di una macelleria incustodita, a voi che amate dilaniare a morsi un corpo pulsante, ghiotti di carne umana, a voi, proprio a voi, incorreggibili amici Zombie, è dedicata la puntata di oggi. Quanti pregiudizi, quante inesattezze e malelingue si sono succedute negli anni: Alt(R)a Fedeltà proverà a far luce su tutto questo, come un Livingstone nel mondo dei non-morti, per spazzare via una volta per tutte i pettegolezzi e rivelare al mondo WebRadiofonico la magia e la dolcezza che si celano dietro la dura scorza di un cuore Zombie.

E’ dunque possibile tenere in casa un non-morto come animale di compagnia? E’ veramente così adatto all’ambiente famigliare e giocoso con i bambini? Ci sono stati Zombie importanti per la storia dell’umanità? Rita Levi Montalcini c’entra qualcosa? Esistono libri su cui documentarsi, per non fare brutta figura a casa della famiglia della vostra nuova fidanzata Zombie? Qual è la differenza sostanziale fra un non-morto e la carica di Presidente della Repubblica? A condire il tutto uno sguardo divertito sul mondo dei kamikaze pasticcioni, il fenomeno comico degli ultimi anni, roba al cui confronto la Pimpa è un film di Wes Craven.

Tutto questo, come ogni Martedi, rigorosamente Live, sulle Web Frequenze di Fandango Web Radio, la radio che combatte la sua battaglia ai giganti dell’FM con una mazza da baseball in acciaio inox in mano e una sega elettrica nell’altra, barricata fra il reparto casalinghi e la gastronomia.

Alt(R)a Fedeltà: Classifiche e amenità dall’ultima casa a sinistra, un programma scritto, condotto e rianimato da Enrico Costantino e Sacha Dominis.

Read Full Post »