Feeds:
Articoli
Commenti

(QUASI)COMUNICATO STAMPA 

CORVO ROSSO

ideato da

Enrico Costantino e Sacha Dominis

condotto da

Enrico Costantino e Sacha Dominis

Ogni lunedi, mercoledi e venerdi dalle  9.30 alle 11.00 su Elle Radio (88.100 su Roma e Provincia) a partire da lunedi 19 Marzo 2012

CORVO ROSSO è l’approfondimento che porta finalmente alla luce i fatti, le storie e le curiosità che settimanalmente non raggiungono gli altissimi standard dei maggiori mezzi e canali di comunicazione italiani.

CORVO ROSSO offre ai propri ascoltatori le notizie più curiose e le vicende più singolari, raccolte principalmente attraverso la stampa – locale e straniera – la rete, le conversazioni da bar, le voci di corridoio e le soffiate del parrucchiere sotto casa.

CORVO ROSSO propone la prima rassegna stampa che non legge le notizie, ma vi legge attraverso, come se i giornali fossero fatti di perspex.

CORVO ROSSO mischia con sapienza informazione ed intrattenimento, serio e faceto, accademia e pop-culture, con un occhio di riguardo ad una programmazione musicale insolita e stimolante.

CORVO ROSSO si avvale della preziosa collaborazione di ospiti di rilievo, nane bianche dello showbiz e giornalisti conniventi.

CORVO ROSSO dura un’ora e mezza e va in onda ogni lunedi, mercoledi e venerdi dalle  9.30 alle 11.00, a meno della fine del mondo.

CORVO ROSSO è un programma ideato, scritto e condotto da Enrico Costantino e Sacha Dominis.

Contatti:

corvo.rosso@live.com

http://www.elleradio.it/

Fonte: Rob Zombie

5) L’Assedio dei Morti Viventi

Bob Clark, regista del classico A Christmas Story, e la star Alan Ormsby hanno dato vita a questo film bizzarro con un cadavere di nome Orville. Un gruppo di hippies si reca su un’isola sperduta chissà dove. Il loro obiettivo è resuscitare i morti, e indovinate un po? la cosa Funziona. Un film veramente strano per il suo genere.

4) Zombi 2

A partire dalla prima scena, ambienta su una barca apparentemente vuota (tranne che per i vermi e le larve) che galleggia al largo di New York City, ecco che nasce un nuovo tipo di zombie movie. E in un istante è subito cult! Per non parlare della scena che mostra il combattimento tra uno zombi e uno squalo. Ancora oggi mi chiedo: “Come cazzo ha fatto a girarla?”. Fulci è un genio.

3) La Notte dei Morti Viventi

Questo film low budget indipendente del 1968 è un terrificante esercizio di orrore. La scelta di una casa sperduta come ambientazione dona il giusto tono a questo incubo claustrofobico. Contiene anche uno dei più copiati finali shock della storia del cinema. (E’ anche uno dei pochissimi film horror in cui il tizio nero non muore per primo, ulteriore nota di merito bel il buon Romero N.d.C.R)

2) L’Isola degli Zombie

L’unico vero film zombie classico del 1930, l’età d’oro del cinema dell’orrore. Dopo il grande successo del Dracula della Universal, Bela Lugosi crea un altro personaggio iconico del cinema horror: Legendre. Sono anche abbastanza sicuro che si tratti della prima volta che la parola “zombie” viene usata ll’interno di un film. Perché questo film non sia amato come Dracula o Frankenstein è un mistero.

1) Zombi

Questo capolavoro di Romero non ha cominciato niente, ma sicuramente ha segnato gli standard degli zombie movie a venire. Il sangue, le budella, gore sono molto presenti, ma al suo centro c’è uno studio sui personaggi molto accattivante, che riguarda un piccolo gruppo di sopravvissuti. Ken Foree spicca su tutti. L’intensità di tutto il film si può individuare nel suo volto immobile verso la fine del film, quando, di fronte alla morte certa, è pronto ad uccidersi.

Fonte: Wired.it

5- Berlusconi Nobel per la Pace. Sul serio?

Quando nel settembre 2009 è apparso su youtube il videoclip ” La Pace può” in molti hanno pensato a uno scherzo. Ma è bastato notare che le votazioni erano state disattivate e che a fronte di 30.000 visualizzazioni i commenti erano solo 5 (e tutti positivi), per capire che quelli del comitato per il Nobel a Silvio Berlusconi facevano sul serio. Per peggiorare il tutto, il video è subito stato clonato e lasciato in balia del popolo della rete. Che ha risposto con migliaia di commenti (irriferibili).

4- Mastella e la guerra dei cloni:

Nel settembre del 2007 Mastella (allora Ministro della Giustizia) apre il suo blog personale, aggiunge messaggi con regolarità ma fa un imperdonabile errore: decide di mettere un filtro a maglie strettissime ai commenti. Ne riceve a centinaia, li legge in anteprima e ne pubblica pochissimi. La risposta della rete è immediata. In pochi giorni fioccano cloni del blog (es: http://clementepastella.blogspot.com/). Stessa grafica, stessa impaginazione, anche i post sono gli stessi pubblicati dal politico. La differenza? I commenti sono liberi. Il risultato? Nel giro di una settimana i blog clonati sono più frequentati dell’originale. Il blog chiuderà i battenti dopo pochi mesi…

3- Su facebook puoi sostenere Berlusconi, senza saperlo:

Sei giorni dopo il lancio della statuetta in piazza Duomo, alcuni utenti facebook si sono svegliati scoprendo di essere tra i membri di gruppi come “Sosteniamo Silvio Berlusconi contro i fan di Massimo Tartaglia”, pur non essendosi mai iscritti al gruppo. Svelato il mistero, gli utenti si erano iscritti a gruppi di aste al ribasso e made in Italy, i cui nomi sono stati poi cambiati dagli amministratori. Una mossa che il popolo della Rete non ha digerito.

2-L’irreprensibile inglese di Francesco Rutelli:

Provate a scrivere “Rutelli” nel motore di ricerca di youtube. Il primo video che comparirà è quello con cui l’allora (2007) ministro dei Beni e delle Attività Culturali aveva deciso di salutare i visitatori del sito Italia.it. A causa della pessima pronuncia inglese e delle banalità snocciolate dall’ex Sindaco di Roma, questo clip è tutt’oggi uno dei più esilaranti a circolare in rete.

1- Letizia Moratti e il caso Sucate

Durante la campagna elettorale 2011 lo staff  Twitter della Moratti era impegnatissimo a rispondere alle questioni sollevate dagli elettori Milanesi: le risposte erano però generiche ed elusive. Così un utente diffidente che voleva sottolineare l’automatismo delle risposte si è finto interessato ai problemi dell’immaginario quartiere di “Sucate” e di una “moschea abusiva” in “via Giandomenico Puppa”. Il povero addetto all’account di Twitter del sindaco non si è fatto sfiorare del dubbio e ha tempestivamente risposto. Il risultato è stato ovviamente lo scatenamento di una serie di sghignazzi online, e la nascita di una nuova competizione creativa intorno ai problemi del quartiere di Sucate.

Ore 20.30

Fandango Incontro.

Stiamo tornando….prestissimo..

Si, è una minaccia.

Memento

5) Il bacio si è fermato a Eboli

Guai scambiarsi effusioni in macchina. Per le coppiette è bene baciarsi con gli occhi bene aperti: pena 500 euro di multa.

4) A Venezia, niente castelli

Nella vicina Eraclea è vietato costruire castelli di sabbia e fare buche, perché ostruiscono il passaggio ai bagnanti. Bandita anche la raccolta di conchiglie sul lungomare. E come se non bastasse, non si può passeggiare sulla spiaggia senza maglietta. Il tuffo a torso nudo è ancora consentito.

3) Panchina che vai…

A Voghera non ci si può sedere sulle panchine dopo le 23 in più di tre persone mentre, e a Viareggio non ci si possono poggiare i piedi. A Sanremo invece solo se avete dai 13 ai 59 anni non potete sedervi ai bordi delle aiuole. Se non rientrate in quella fascia d’età avete campo libero.

2) A Trento un divieto al divieto

Nella città non si possono rubare, danneggiare o produrre autonomamente cartelli di divieto.

1)A Brescia è vietato morire

Il comune ha chiesto ai cittadini di non morire. Motivazione? manca lo spazio per ampliare il cimitero. Tutti i viventi però hanno un altro obbligo da rispettare: non possono sedersi ai piedi di monumenti storici. Quest’ultimo provvedimento è stato adottato anche a Reggio Emilia

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.